Torno alla ricerca di fotografie artistiche sulla riva del lago di Como

Da tempo avevo in programma di fare dei servizi fotografici sul lago di Como ed ecco che mi organizzo finalmente. Zaino, cavalletto e tutte le attrezzature necessarie preparate il giorno prima, mi avventuro da solo per una prima esplorazione. Vivo a Milano e in un’ora circa dall’autostrada dei laghi sono arrivato a Como e ho iniziato a costeggiare il lago alla ricerca di un primo paese da fotografare. Mi colpisce subito il nome di un piccolo borgo, Torno. Torno quindi sul lago di Como ma questa volta dalla sponda opposta e con un obiettivo ben preciso, realizzare scatti fotografici professionali di questo piccolo borgo sulla riva del lago di Como. Proprio il gioco di parole mi ha attirato e non è stata per niente una delusione, oltre ad ispirare i testi di un articolo mi ha regalato una magnifica giornata di relax e calma lontano dal caos di Milano.

Il Lago di Como con i suoi paesaggi spettacolari e le meravigliose ville d’epoca con fascino antico sono la location perfetta per ambientare film, spot pubblicitari e serie tv.

Tra i diversi film girati sul lago di Como possiamo segnalare Malombra, girato a Villa Pliniana, nel territorio del comune di Torno.

Percorrendo la strada lungo il lago, si vedevano tra gli alberi dei primi panorami interessanti e mi sono fermato in alcuni punti alla ricerca di un primo scatto. Le luci erano tutte puntate sul lago e allora sono salito in alto tra i vicoli di una frazione per cercare un punto panoramico. Alcuni dettagli di case abbandonate, alberi particolari o piccoli fiori sulle pareti hanno catturato il mio sguardo. E così sono riuscito con poco a creare interessati fotografie artistiche.

Fotografia artistica di Torno sul lago di Como

Uscire dal percorso e trovare nuovi e personali punti di vista era un concetto che avevo letto su una rivista di fotografia. Così ad un certo punto trovo una stradina, alcune auto si fermavano e mi fermai anche io, chiesi ad un signore se la strada portava ad un punto panoramico e mi rispose che era tutto coperto dagli alberi, non convinto continuai a piedi e incontrai un’altra gentile signora che mi disse di continuare a piedi così da vedere anche i vicoli di Torno scendendo giù dalle prime scale che avrei incontrato. Così mi convinsi, presi lo zaino con tutta l’attrezzatura e mi incamminai alla ricerca della scaletta. In realtà non si vedeva altro che alberi e una galleria buia e gocciolante era l’unica strada sul mio percorso. Non era per niente affascinante ma attraversata la galleria inizia il paese e mi ritrovo sulla strada principale che porta al centro. In realtà potevo raggiungere il centro in auto ma non avrei scoperto questo passaggio e la prima scaletta suggerita dalla signora tanto gentile. Subito sulla sinistra un panorama unico, un punto strategico per uno scatto da cartolina. Si vedeva dall’alto il borgo sul lago e il suo porticciolo, le barche ormeggiate donavano fascino alla scena e già mi sembrava di aver fatto la scelta giusta. Ecco che uscire dal percorso mi ha portato a scoprire punti di vista che non avrei scoperto altrimenti.

Scattata una cartolina di insieme, certo sarebbe diventata una buona stampa fotografia artistica trovo la scaletta e mi avvio tra i vicoli stretti e ripidi, scatto qualche foto ad alcuni particolari sulle abitazioni ma mi ritrovo subito nella via principale livello lago. Alcuni vicoli terminano vista lago e sono molto caratteristici, da alcuni si intravedono le imbarcazioni ormeggiate al porticciolo che ondeggiano lentamente. Subito si incontrano turisti passeggiare tra le vie a scattare foto di gruppo. Un cinese mi chiede in francese se potevo scattare loro una foto, mi succede sempre, mi vedono scattare foto con attrezzature strane e subito mi affidano il compito. Con simpatia scatto e chiedo anche io una foto, questa volta niente selfi, ci pensava il cinese.

Fotografo Michele Pelosi, Torno sul lago di Como

Questa la prima parte del viaggio a Torno, i primi scatti di una giornata rilassante sul lago di Como. In grassetto ti segnalo i punti da non perdere nel tuo viaggio sul lago di Como.
Continuate a seguirmi, presto il seguito del racconto, in questa pagina.

Condividi o commenta.

 

Lascia un segno del tuo passaggio

Loading Facebook Comments ...

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*